“Se non ci piace dove stiamo possiamo spostarci, non siamo alberi” frase pronunciata da Snoopy, si il personaggio dei fumetti di cui C.M. Shulz fu l’autore. Partire dalla frase di un cartone animato, è quanto di più sano si possa fare nel momento in cui ci si interroga su quale sarà il nuovo anno zero,  la strada da imboccare e percorrere , per dare nuova luce ad un movimento calcistico completamente al buio.

Continua a leggere

Triplice fischio dell’arbitro Lahoz, e tutto diventa realtà, le lacrime di Gigi Buffon si presentano davanti ai nostri occhi rendendoci immediatamente tutti vulnerabili, tutti con una sensazione di fallimento addosso, tutti inevitabilmente sconfitti. Il calcio italiano si spegne come in un Blackout improvviso di una grande città affollata e viva. Si cercano colpevoli e si punta il dito a destra e sinistra in preda ad una spasmodica ricerca di un colpevole da mandare in piazza nelle mani della gente, del popolo. 

Continua a leggere

Oggi apro questo breve ma importante articolo con una frase che non mi stancherò mai di ripetere: Sei di Gennaio, Febbraio o Marzo? Allora le tue probabilità salgono in maniera esponenziale, e sogna ragazzo sogna, che probabilmente il tutto diventerà realtà; sei di Ottobre, Novembre o Dicembre? Allora guarda, ci dispiace però in fondo alla via c’è una bella scuola di canto. Prova lì.

Continua a leggere

I Centri  Federali Territoriali (CFT) ultimamente sono sinonimo di nuove aperture. I CFT sono ad oggi tra le soluzioni individuate (senza dubbio la principale) dal movimento per far tornare a brillare il calcio italiano. Possibile soluzione che va a braccetto con la proposta delle seconde squadre, la riduzione degli stranieri nei vivai, il raggiungere precocemente obiettivi con le nazionali e i centri federali stessi. 

Continua a leggere